News

ATTIVITA' RICETTIVA "CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE IN FORMA NON IMPRENDITORIALE"

9 giugno 2016

Le C.A.V., ex art 26 della L.R. 27/15 “Politiche regionali in materia di turismo e attrattività del territorio lombardo”, sono strutture ricettive quindi offrono servizio di ospitalità e NON stipulano contratti di locazione. Non vi è una durata minima del servizio offerto che non supererà l’anno, fatto salvo il rispetto dei 90 giorni di chiusura nel caso di C.A.V. non imprenditoriali.

Laddove dell’immobile si volesse fare uso differente da quello di struttura ricettiva C.A.V., è necessario in primo luogo cessare l’attività con la medesima procedura utilizzata per l’avvio, ovvero presentare “Comunicazione” allo Sportello SUAP. A seguito della cessazione dell’attività l’immobile potrà essere utilizzato per altri scopi.

Il soggetto che, ai sensi delle disposizione regionali, presenta al Comune “Comunicazione” con cui intende offrire alloggio per finalità turistiche in regime di Locazione, potrà concedere l’immobile solo per periodi inferiori ai 30 giorni, senza quindi necessità di registrazione del contratto; anche in questo caso laddove si decida di affittare l‘unità immobiliare per periodi superiori ai 30 giorni dovrà essere preventivamente presentata “Comunicazione” al SUAP in merito alla cessazione dell’offerta di alloggio per finalità turistiche in regime di Locazione e di conseguenza disporre liberamente della proprietà conformemente alle normative che regolano il settore delle locazioni.